IL VOLTO

Inviato da don Mauro il Lun, 01/07/2019 - 15:23

Tornando da Milano in metropolitana e mentre il treno sfrecciava nel ventre della città, guardavo il volto delle persone che lo affollavano.

Volti tristi, preoccupati ed avvolti nei loro pensieri: a fatica ho scorto volti felici e trasparenti. Il volto è la parte più esposta di noi, la più indifesa e la più rivelatrice.

ESISTERE E' MATURARE

Inviato da don Mauro il Mar, 25/06/2019 - 06:04

"Esistere è modificarsi. Modificarsi è maturare. Maturare è ricreare incessantemente se stessi!".
Così scriveva un filosofo francese all'inizio del 1900. Mi pare opportuna anche per noi oggi. Essa esprime limpidamente la tesi che l'evoluzione della coscienza non è prodotta da meccanismi esteriori né da condizionamenti sociali, ma è espressione di uno slancio interiore.

L'esistenza dell'uomo non è statica ma è un continuo modificarsi, è dinamismo, conquista, speranza e progresso.

PER RITROVARSI. DONNE CHE LAVORANO INSIEME. IL LABORATORIO DI CUCITO CARITAS

Inviato da Simonetta Spinelli il Gio, 20/06/2019 - 17:58

E' mercoledì pomeriggio. Un qualsiasi mercoledì di un mese qualunque. Il Centro d'Ascolto Caritas è aperto. In un locale accanto al Guardaroba un gruppo di donne, di varia nazionalità, vestite in modo differente, sta lavorando attorno a un tavolo. Chiacchierano, sorridono, aiutandosi reciprocamente sotto la guida di alcune volontarie. Sono donne che aiutano altre donne ad uscire dalla quotidianità di una vita familiare spesso difficile e faticosa, condividendo le proprie abilità nel cucito, nel ricamo e nei lavori a maglia. Il progetto del Laboratorio di Cucito è partito nel giugno 2015, per tutte le utenti del Centro. Le signore si ritrovano due pomeriggi al mese (di mercoledì) per realizzare lavori di cucito, ricamo, uncinetto, non solo per se stesse. 

 

Etichette

LA FORZA DELLA RELAZIONE....

Inviato da don Mauro il Lun, 17/06/2019 - 09:28

Ho ricevuto, inattesa, una lettera di due genitori di Jesolo che hanno una figlia di otto anni diversamente abile. Sono preoccupati e rassegnati per questa figlia; nella lettera mi chiedono l'invio di alcune immagini di santi delle nostre parrocchie. Subito ho accolto la loro richiesta inviando immagini del santo Crocifisso e quella della Madonna Pellegrina di Fatima che ci ha visitato nel 2015!